Fondazione Nuova Società

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attività Iniziative
Iniziative

27 gennaio - GIORNATA DELLA MEMORIA

     
La cerimonia istituzionale si terrà a Padova Lunedì 27 gennaio, con il seguente programma:    

ore 9:30 - Tempio nazionale dell'Internato Ignoto, viale Internato Ignoto, 24 (zona Terranegra)    
- cerimonia con alzabandiera ed onori ai Caduti;  
- saluto del Rettore del Tempio Don Fabio Artusi;  
- interventi di Sergio Giordani - sindaco di Padova, Gianni Parenzo - presidente della Comunità ebraica di Padova, gen.c.a. Amedeo Sperotto, comandante Comando Forze Operative Nord;   
Accompagnamento musicale a cura della Fanfara dei Bersaglieri in congedo, sezione "Achille Formis" di Padova.   

Molte altre sono le iniziative e le commemorazioni; ne segnaliamo alcune:

Giovedì 23 gennaio, ore 16:00 - via Prati, 7
"Posizionamento delle pietre d'inciampo", in ricordo di Giulio Ancona, Ada Levi Ancona e della figlia Irma. Interventi di Sergio Giordani, sindaco di Padova, Giuliano Pisani vice presidente del Comitato scientifico del Giardino dei Giusti del Mondo di Padova, Gianni Parenzo, presidente della Comunità Ebraica di Padova e Maria Antonietta Ancona nipote delle vittime. Interventi di memoria da parte di una studentessa universitaria.

Domenica 26 gennaio, ore 10:00 - partenza da via VIII febbraio 1848, 2
Concerto itinerante “Canta fra le pietre d'inciampo” a cura dell’Associazione Canone Inverso.

Martedì 28 gennaio ore 9:00 e ore 11:00 - Teatro G. Verdi, via dei Livello, 32
Spettacolo teatrale “Viaggio ad Auschwitz a/r”. Compagnia il Melarancio, ingresso libero.

Martedì 28 gennaio ore 20:45 - Auditorium del Centro Culturale Altinate/San Gaetano
Spettacolo “Confino - Frammenti per una tragedia mancata”. Vicenda di un confinato per pederastia nell’Italia fascista. Un progetto di Alessandro Tampieri. A cura della Commissione per le Pari Opportunità, le politiche di genere e i diritti civili del Comune di Padova, ingresso libero.

Dal 14 gennaio al 27 febbraio - Cortile pensile di Palazzo Moroni
Mostra "Adelmo e gli altri - Confinati omosessuali nel Materano"

Dal 14 gennaio al 24 febbraio - Scuderie di Palazzo Moroni
Mostra “Il testimone: Auschwitz e Primo Levi”

Alleghiamo infine le locandine delle iniziative promosse dall'ANPI, che si terranno ad Albignasego, Anguillara Veneta e Ponte San Nicolò.   
     

      

     

      

 

Commemorazione di Otello Pighin

     
Iniziamo il nuovo anno con un importante momento di riflessione, ricordando Otello Pighin. Appuntamento sabato mattina in via dei Rogati a Padova!     
    
Otello Pighin, nome di battaglia "Renato" (Lusia, 20 febbraio 1912 – Abano Terme, 10 gennaio 1945), è stato un ingegnere e partigiano italiano, medaglia d'oro al valor militare.    
Dopo la laurea, frequenta la scuola ufficiali viene inquadrato come tenente di artiglieria ed inviato in guerra in Grecia, si ammala e viene congedato, diventa assistente universitario.    
Politicamente vicino ed impegnato nel Partito d'Azione dopo l'Armistizio di Cassibile si impegna attivamente nella Resistenza veneta.    
Al suo fianco si trova anche il professore del collegio Barbarigo e del Seminario Maggiore di Padova don Giovanni Apolloni, con il quale la collaborazione è quasi quotidiana. Don Apolloni di giorno con l'aiuto di un altro prete Francesco Frasson, amministratore del collegio Barbarigo ideava con Pighin le azioni dinamitarde, che creavano tensione, di notte collaborava con don Giovanni Nervo per ciclostilare quanto serviva per le brigate "Guido Negri". La collaborazione dura fino al 7 gennaio quando Otello Pighin cade in una imboscata e viene ferito e catturato in via Rogati da Antonio Corradeschi, della banda Carità.